illustration

PAOLA PALLOTTINO, LE FIGURE PER DIRLO, STORIA DELLE ILLUSTRATRICI ITALIANE Treccani Libri, Fuori Collana, pag. 240, € 32

“Come altre storie, anche quella dell’illustrazione femminile è la storia di una cancellazione.”

61rrfq+GeUL.jpg

Un affascinante viaggio visivo, storico e critico che mette in luce, per la prima volta, lo straordinario quanto sconosciuto contributo delle artiste italiane attive nel settore dell’immagine riprodotta, dal XVII secolo a oggi. Il volume attraversa i principali movimenti culturali del Novecento, facendoci conoscere artiste emarginate due volte, perché donne e perché attive in un ambito considerato ‘minore’, per il quale hanno realizzato immagini di straordinaria qualità – dall’illustrazione pubblicitaria alla moda, dal fumetto alla caricatura fino a calendari, cartoline ed etichette – presenziando e sottolineando i momenti storici del paese. Paola Pallottino ci accompagna in questo inedito percorso dandoci contemporaneamente accesso al suo ineguagliabile archivio personale, frutto di una vita di ricerca, composto di centinaia e centinaia di dossier sugli artisti dell’illustrazione, migliaia di schede, e oltre 10.000 pubblicazioni del settore, tra libri e riviste, raccolte in oltre quarant’anni di ricerche.

Paola Pallottino, Roma 1939. Storica dell’arte, illustratrice e paroliera italiana. Già professore associato di Storia dell’arte contemporanea all’Università di Macerata, pioniera degli studi sulla storia dell’illustrazione, ha svolto un’intensa attività di divulgazione, culminata con la fondazione a Ferrara del MIL, Museo dell’Illustrazione – Centro Studi sull’Immagine Riprodotta, che ha diretto dal 1992 al 2005. Ha collaborato all’Enciclopedia universale dell’arte, al Dizionario biografico degli italiani, al Dictionnaire des illustrateurs e all’Allgemeines Künstlerlexikon. La sua opera scientifica comprende una ventina di libri, fra cui Storia dell’illustrazione italiana e Dall’atlante delle immagini. Parallelamente all’attività di studio, ha coltivato la passione per la scrittura, collaborando con Lucio Dalla, per il quale ha scritto, tra le altre, Gesubambino (4 marzo 1943). Nel 1974 ha firmato le parole di Donna circo, disco a tematica femminista musicato e cantato da Gianfranca Montedoro e, nel 1994, i testi di Giovanna d’Arco e La ragazza e l’eremita per Angelo Branduardi.

Corso di formazione al Centro Studi Erickson, 28 29 febbraio 2020

Il 28 29 febbraio 2020 terrò a Trento, al Centro Studi Erickson, questo corso di formazione con 5 laboratori d’arte per riflettere e indagare le emozioni attraverso la creazione e la lettura delle immagini.

A TRENTO 28 29 FEBBRAIO 2020

AL CENTRO Studi Erickson 28 29 FEBBRAIO 2020

Il gioco dell’oca da dipingere, laboratorio per tutti

14 dicembre 2019 ore 10:30-12:00 in studio, all’exColorificio:
Il gioco dell’oca!

tutte le info qui

bigdraw2018+basse25

Laboratori aperti autunno 2019

2 LABORATORI PER BAMBINI

23 novembre 2019 ore 10:30-12:30 in studio, all’exColorificio:
Macchine non ancora inventate!

tutte le info qui

14 dicembre 2019 ore 10:30-12:00 in studio, all’exColorificio:
Il gioco dell’oca!

tutte le info qui

bigdraw2018+basse25

(Di)Segni di inclusione)

Lunedì 4 novembre, alle ore 17.30, presso la sede Erickson di Trento in via del Pioppeto 24 ci sarà l’inaugurazione della mostra (Di)Segni di inclusione)

Organizzata per celebrare i 35 anni di attività di Edizioni Centro Studi Erickson e inaugurare la sede di Trento, che è stata recentemente rinnovata con l’obiettivo di avere nuovi spazi aperti al territorio.

Io ho partecipato con due illustrazioni sul tema.

Questa mostra è anche un importante momento di riflessione su uno dei temi che da sempre sta a cuore a Erickson: l’inclusione scolastica e sociale. Gli editori Dario Ianes e Fabio Folgheraiter dialogheranno con Andrea Canevaro, professore emerito all’Università di Bologna e “padre” della pedagogia speciale in Italia. Al termine dell’incontro verrà aperta la mostra «(Di)Segni di inclusione). Prossimo appuntamento a Rimini dal 15 al 17 novembre in occasione del convegno «La Qualità dell’inclusione scolastica e sociale»